Tutto ciò che c'è da sapere

Locali consigliati

Ottimo cibo, pesce buonissimo, poco fuori città alla trattoria de "La locanda di li spilusi" si puo mangiare una infinita di ottimi antipasti che da soli bastano per il pranzo, lo stesso vale per alcuni ristoranti del vicino paese di Carovigno. Sul lungomare ottima pizza al "Windsurf", ottima carne a "La Locanda del Porto", superbo gelato al Bar "Betty". Nel centro storico da non perdere la famosa "fritta" (calzone fritto) alla pizzeria "Romanelli", da non perdere anche la eccellente piadina alla "Piadineria Artigianale" da provare assolutamente i rotoloni (piadina arrotolata) di enormi dimensioni. Nella vicina Savelletri tantissimi ristoranti/trattorie molte di esse famose per l'ottimo pesce ed ancora di più per i ricci di mare nel periodo giusto. Porticciolo turistico molto bello anche solo da visitare, dove e` presente un ottimo ristorante specialità di pesce ed un bel bar.

Eventi tipici

 “Pizzica in Tour”, parte da Ostuni il Festival di Pizzica e Taranta .

 

Battiti Live 2020

 

Adriatic Cup 2020, emozioni a pelo d’acqua sul lungomare di Brindisi .

 

I Sapori del Mediterraneo: gusto, musica e sport sul lungomare di Brindisi -


Monumenti

Un notevole luogo dalla valenza storica di Brindisi è quello delle Colonne Romane, punto in cui con due colonne terminava la leggendaria Via Appia che partiva direttamente da Roma. Le colonne rimasero entrambe in piedi fino al 1528, quando una delle due crollò. I pezzi della stessa furono utilizzati cent’anni dopo dai leccesi che li utilizzarono per costruire la colonna di Sant’Oronzo tutt’ora nella piazza principale di Lecce. L’altra colonna, invece, è ancora lì a vegliare su Brindisi, sulla sommità della “scalinata Virgilio” che scende verso il mare.

 In centro, non distante dalla costa, da visitare è Piazza Duomo con la relativa chiesa settecentesca, la Loggia Balsamo e il Museo Archeologico intitolato a Francesco Ribezzo. Altra importante chiesa è quella di San Giovanni al Sepolcro, costruita attorno all’undicesimo secolo dai Cavalieri Templari e dalla curiosa struttura circolare. Molte comunque sono le chiese degne di nota, tra cui ricordiamo La Chiesa di San Benedetto (X secolo), le chiese barocche di Santa Maria degli Angeli e di Santa Teresa.

Essendo città di mare, non mancano le fortificazioni, evidenti in particolare con la presenza di due castelli. Il Castello Svevo è stato voluto da Federico II, ma più volte modificato nel corso dei secoli. Si caratterizza per i grandi torrioni quadrati e per la pianta a forma di trapezio. Il Castello Alfonsino di Brindisi è conosciuto con il nome di Forte a Mare e si trova sull’Isolotto di Sant’Andrea, presso il porto esterno della città.

Brindisi antica e Roma

I Romani vennero in contatto con la regione nel corso delle guerre contro i Sanniti e contro Pirro tra il IV e il III secolo a.C. Per tutte le città della Puglia si preparava la conquista da parte dei Romani, i quali ben presto si accorsero della posizione strategica della regione che, con il porto di Brindisi, rappresentava la via per la conquista dei Balcani e della Grecia.

Brindisi, che era stata conquistata nel 266 a.C., venne poi elevata al rango di municipio nell'83 a.C. e ai brindisini fu riconosciuta la cittadinanza romana (240 a.C.). Brindisi divenne così il principale porto romano verso l'Oriente, sia come base navale per tutte le guerre con la Macedonia, la Grecia e l'Asia minore, sia come importante centro commerciale, in sostituzione di Taranto, la cui importanza era assai diminuita dopo la conquista romana.

Durante la seconda guerra punica Brindisi rimase fedele a Roma, anche dopo la battaglia di Canne, e ciò le valse riconoscenza e onori. Ottenne da Silla nell'anno 83 a.C. l'immunità - probabilmente in relazione all'istituzione di un porto franco - che poi conservò per lungo tempo.